23/08/2019 – Violenze in corso nel centro di detenzione di Zawiyah

Post originale in inglese con video

(Aggiornamento: MOLTI SONO STATI APPENA PORTATI VIA.)


Situazione tragica nel centro di detenzione di Zawiyah in Libia, dove i migranti catturati in mare e portati indietro vengono brutalmente torturati allo scopo di estorcere denaro, e poi venduti, dalle guardie del responsabile del campo, Osama. Si tratta di un noto trafficante e membro della polizia del “Dipartimento per la lotta alla migrazione illegale” (DCIM).

Qualche giorno fa, un gruppo composto perlopiù da etiopi e somali, tra cui 70 donne, è stato portato a Zawiyah, dove i migranti sono stati torturati per ottenere un riscatto. Da ieri, Osama e i suoi uomini stanno provando a portarli via per venderli. Sono particolarmente interessati alle donne e hanno provato molte volte a portarle via, ma le donne e altri rifugiati del campo stanno cercando di resistere e stasera la polizia ha iniziato a sparare.

La tortura e la vendita di esseri umani catturati in mare e portati a Zawiyah mi è stata raccontata da molti rifugiati. Ho ricevuto terrificanti messaggi audio contenenti urla disperate di donne e molti spari. Chiediamo a UNHCR di registrare urgentemente e salvare questi uomini e donne.

Due mesi fa lo stesso è accaduto a un gruppo di sudanesi e persone dell’Africa occidentale. Ad alcuni di loro è stato sparato alle gambe per aver provato a scappare, mentre la polizia di Osama li stava torturando perchè non potevano pagare. Molti sono rimasti feriti ed uno è stato ucciso.

Le donne e gli uomini a Zawiyah hanno bisogno di aiuto immediato, il centro è nelle mani di un trafficante e torturatore e i rifugiati detenuti lì dentro sono a serio rischio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *