Appello Alarm Phone – un invisibile naufragio?

Un invisibile naufragio?

Nella notte tra sabato 8 e domenica 9 febbraio, almeno 91 persone, stipate su un gommone, salpano dal porto di Garabulli in Libia. Salpano con la speranza che il vento possa farli approdare verso una vita migliore. Dopo qualche ora la speranza naufraga.

I migranti contattano Alarm Phone che immediatamente cerca di attivare i soccorsi.

"Alle 04.09 CET abbiamo inoltrato la segnalazione alla Guardia costiera libica e alla nave di salvataggio Aita Mari; alle 4.24h CET abbiamo trasmesso le informazioni anche alle autorità maltesi e italiane.

Abbiamo perso il contatto con la barca alle 05.35 CET, e in quel momento la gente era in preda al panico, dicendo che il loro motore non funzionava, che l'acqua stava entrando nella barca e che c'erano persone nell'acqua."

Nella mattinata del 9 febbraio, la guardia costiera libica affermava di non aver individuato nessun barcone in pericolo.

Il 10 febbraio, il centro di ricerca e soccorso maltese – contattato da Alarm Phone – affermava di aver individuato un gommone sgonfio nella posizione corrispondente alle segnalazioni di Alarm Phone. Ma molte domande restano in sospeso e vogliamo risposte dalla guardia costiera libica.

Alarm Phone

Alarm Phone è un gruppo, nato nel 2014, da una rete di attivisti e attori della società civile in Europa e Nord Africa. La loro attività è preziosissima, degna di attenzione e sostegno. Attraverso un numero di emergenza auto-organizzato, riescono a fare da megafono alle chiamate SOS dei migranti in difficoltà. Sia quando essi sono alla deriva nel Mediterraneo e sia quando, purtroppo sempre più spesso, sono vittime di respingimenti.

Il numero di Alarm Phone è un appiglio di speranza. Una voce per chi non ha voce. Un megafono per chi vorrebbe rendere muti coloro che sono già invisibili.

Perchè dovresti aiutare Alarm Phone.

Se un tuo parente, amico o conoscente fosse partito e tu non avessi più sue notizie, vorresti sapere che fine ha fatto?

E’ quello che vogliono sapere i parenti delle 91 persone partite il 9 febbraio. Questo vuole sapere Alarm Phone. E’ quello che – come essere umano vorresti sapere anche tu.

Leggi qui l’intero appello di Alarm Phone e diffondilo, per chiedere con forza giustizia e verità su questo naufragio. Un naufragio che qualcuno vuole far passare per invisibile.

Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =