La Louise Michel soccorre un barcone con 130 persone, ancora testimonianze dai lager libici, emergenza Lampedusa l’isola al collasso.

Ancora testimonianze dai lager libici ; il video girato da uno dei ragazzi detenuti documenta le condizioni inumane in cui vengono tenuti i migranti nei centri di detenzione governativi e non governativi. Nel video vengoo mostrati immagini di corpi scheletrici, sono quelli di uomini sopravissuti al centro di detenzione di Bani Walid, “la fabbrica delle torture” e successivamente trasferiti poi in un altro centro definito “governativo” ma gestito sempre da altri miliziani .

Ancora emergenza sull’isola di Lampedusa : un natante con 450 persone a bordo è stato avvistato e scortato dalla Guardia Costiera e Guardia di Finanza al porto dell’isola. La tensione nell’isola si fa sempre più alta : nell’hot – spot dell’isola ci sono già piu di mille persone, ma la struttura ne può contenere al massimo 200. Il Sindaco Totò Martello e il Presidente della Regione Sicilia, Musmeci, si sono rivolti ancora una volta al Governo Italiano per un maggior intervento, le autorità locali, infatti, lamentano che la gestione dell’accoglienza non può essere delegata intermanete all’isola.

Al largo di Crotone un’imbarcazione con 23 migranti soccorsa dalla Capitaneria di Porto è esplosa durante le opeazioni di trasbrdo : nell’esplosione sono rimasti feriti due finanziaeri, tre migranti sono morti, mentre altri risultano dispersi, al momento sono in corso le ricerche in mare per recupeare i dispersi.

La nave Louise Michel, finanziata dall’artista britannico Banksy, ha gia soccorso un barcone alla deriva con 130 migranti, numero elevato per la piccola imbarcazione che da pochoi giorni ha preso il mare per prestare le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, così la nave dell’artista è stata raggiunta dalla Guardia costiera italiana, che con una motovedetta ha prelevato 49 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − nove =