Vox Thalassa: infine, assolti

Ne avevamo di recente parlato qui. La sentenza afferma che “è scriminata la condotta di resistenza a pubblico ufficiale da parte del migrante che, soccorso in mare e facendo valere il suo diritto al non respingimento, si opponga alla riconsegna allo stato libico”. Era ora. E’ finita.

Due giovani coraggiosi che hanno fatto una cosa giusta, ora possono riprendere la loro vita, senza l’incubo di una condanna per un’azione di autodifesa e di altruismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *